Schermature solari: tutte le soluzioni per proteggersi dal sole

LA LISTA UFFICIALE DEI LAVORI IN CASA SENZA PERMESSO
20 aprile 2018
Manutenzione ordinaria e quella straordinaria….che differenza c’e ???
4 maggio 2018

Schermature solari: tutte le soluzioni per proteggersi dal sole

Il sole è una risorsa naturale fondamentale per garantire comfort interno e risparmio energetico, una fonte di luce e calore naturale che deve però essere correttamente regolata. È questo il compito dei sistemi di schermatura solare, che fungono da filtro e proteggono dal surriscaldamento e dall’abbagliamento.

A cura di: Arch. Gaia Mussi

 

Il rapporto tra ambiente interno ed esterno viene regolato attraverso i serramenti, superfici trasparenti e apribili che permettono il passaggio di luce, calore e persone. I sistemi di ombreggiatura e di oscuramento si combinano ai serramenti e in base alla loro tipologia di movimento, posizione e forma si assumono il compito di regolare la luminosità e il calore entranti in un ambiente. Lo studio di un corretto ombreggiamento è fondamentale per garantire il comfort interno di qualsiasi ambiente e favorire il risparmio energetico. Esistono diverse soluzioni che permettono di risolvere tutte le esigenze specifiche di ogni tipologia di ambiente.

Come scegliere il sistema di ombreggiamento

Il sole  è una risorsa immensa, da sfruttare per il riscaldamento degli ambienti e la loro corretta illuminazione, ma allo stesso tempo da schermare per non eccedere in fenomeni di abbagliamento o surriscaldamento. Studiati il sito, il percorso del sole, i venti prevalenti, l’orientamento dell’edificio, il tipo di vetro migliore e l’attività che si svolgerà all’interno, è possibile scegliere in modo opportuno la modalità di ombreggiamento e schermatura che fa al caso nostro.

 

È importante che questi elementi garantiscano in estate l’abbattimento di apporti energetici indesiderati, così come d’inverno aumentino la resistenza termica dell’infisso, riducendo le dispersioni di calore verso l’esterno. Al di là della tipologia scelta, i sistemi di ombreggiamento devono comunque garantire una serie di caratteristiche tra cui la semplice manutenibilità, l’efficacia della propria azione schermante, resistenza meccanica e all’effrazione.

 

Molto spesso la soluzione potrà prevedere la combinazione di un elemento oscurante esterno ed uno interno. La sola schermatura interna, nella maggior parte dei casi, non è sufficiente ad una corretta regolazione del flusso di calore entrante, in quanto la sua funzione schermante si attiva quando la radiazione solare ha già oltrepassato la superficie vetrata ed è entrata nell’ambiente interno.

Le tipiche soluzioni di ombreggiature interne sono tende in tessuto o realizzate con lamelle metalliche orientabili, più adeguate ad una maggior regolazione della luminosità piuttosto che dell’apporto di calore.

Schermature solari mobili: a battente, pieghevoli, scorrevoli e avvolgibili

Le schermature mobili sono apribili e il loro movimento si combina con quello degli infissi. Permettono il massimo della flessibilità e in base al movimento necessario alla loro apertura possono essere distinte in diverse tipologie.

 

Esempio di schermatura solare mobile

 

Le schermature a battente, i classici scuri che la maggior parte di noi ha installato nella propria abitazione, sono costituite da ante che ruotano lungo un asse verticale. Il movimento è garantito da cerniere, possono avere dimensioni diverse ed essere realizzate in diversi materiali, come il legno e il PVC.

 

Le schermature pieghevoli, come quelle a battenti, sono composte da ante che seguono il medesimo movimento garantito da cerniere, ma ognuna di queste ante è scomposta in più elementi. Questi elementi sono tra loro incernierati e permettono di ridurre l’ingombro dell’anta quando sono aperti. Spesso le si studia in modo tale che il loro ingombro sia perfettamente contenuto nel vano della finestra.

 

Le schermature scorrevoli basano la loro mobilità su un movimento orizzontale lungo binari posti sia alla base che in cima al foro finestra. Questi elementi danno una precisa connotazione estetica alla facciata dell’edificio di cui fanno parte, soprattutto quando a tutta altezza in corrispondenza di grandi superfici vetrate; per questo motivo è opportuno studiare in modo approfondito anche la loro natura estetica.

 

Esempio di schermature scorrevoli

 

 

Infine, le schermature avvolgibili sono costituite da elementi in tessuto o lamelle che si avvolgono attorno ad un asse orizzontale. Il loro movimento è quindi verticale e a differenza di tutti gli altri sistemi, il cui ingombro è sempre presente in facciata, possono arrivare a scomparire quando completamente avvolte. Il movimento di avvolgimento può essere regolato da un sistema manuale o automatico.

Schermature solari fisse

Le schermature solari fisse sono meno efficienti rispetto a quelle mobili, in quanto non possono essere regolate completamente dall’utente in base alle proprie necessità. Sono spesso caratterizzate da lamelle orientabili, che incidono sulla luminosità dell’ambiente. Devono essere accuratamente studiate in base all’orientamento del sole e contribuiscono ad una precisa connotazione della facciata dell’edificio. Sicuramente un punto a favore rispetto alle schermature mobili, è la loro minor necessità di manutenzione; questi elementi durano più a lungo, sono generalmente più robusti.

Schermature solari fisse

Schermature solari fisse: posizionate esternamente sono realizzate in materiali robusti e necessitano di poca manutenzione.

 

Lamelle orientabili

Una specifica va fatta in merito la scelta di oscuramenti contraddistinti da lamelle, anche orientabili, che caratterizzano i brise soleil. Che si scelgano soluzioni mobili o fisse, sono composti da sistemi di lamelle (verticali o orizzontali, a seconda dell’orientamento delle facciate) che permettono il massimo della flessibilità. I brise soleil sono realizzati in diversi materiali e la dimensione delle lamelle è altrettanto variabile. Quando queste lamelle sono orientabili, l’efficienza è massima e la risposta al cambiamento dell’incidenza dei raggi solari nell’arco della giornata e delle stagioni è immediata. Le lamelle orientabili permettono di bloccare la radiazione diretta, ma lasciano passare quella indiretta. I brise soleil possono essere posti verticalmente sulle facciate, oppure in direzione orizzontale come coperture e tettoie sporgenti.

 

La nuova serie di Frangisole in alluminio Metra

Design, ricerca e protezione solare per la nuova serie di frangisole in alluminio di METRA. Si integrano con eleganza nei diversi progetti architettonici, assicurando il massimo del risparmio energetico e della protezione dal surriscaldamento.

La vegetazione

Un sistema differente per il controllo della radiazione solare è quello di ricorrere alla vegetazione, realizzando dei veri e propri filtri verdi. La piantumazione di alberi o lo studio di schermi verdi in facciata permettono di ombreggiare e intercettare la radiazione solare prima che penetri negli ambienti, ma l’intervento va opportunamento studiato e valutato. Oltre allo studio della fattibilità, si devono scegliere le specie giuste, in termini di caducità, manutenzione e portamento. Generalmente si scelgono specie caducifoglie, in modo da favorire il raffrescamento estivo ma non interferire con gli apporti solari invernali. Questo significa avere comunque una flessibilità stagionale, che talvolta può comunque essere scomoda per eventuali necessità di variazione della regolazione luminosa o visiva con l’esterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *